I cookies utilizzati sul Sito hanno esclusivamente la finalità di eseguire autenticazioni informatiche o il monitoraggio di sessioni e la memorizzazione di informazioni tecniche specifiche riguardanti gli utenti che accedono ai server del Titolare del trattamento che gestisce il Sito. In tale ottica, alcune operazioni sul Sito non potrebbero essere compiute senza l'uso dei cookies, che in tali casi sono quindi tecnicamente necessari. A titolo esemplificativo, l'accesso ad eventuali aree riservate del Sito e le attività che possono essere ivi svolte sarebbero molto più complesse da svolgere e meno sicure senza la presenza di cookies che consentono di identificare l'utente e mantenerne l'identificazione nell'ambito della sessione
Notice: Undefined index: 2 in /home/usw8s6ue/domains/unibesa.it/public_html/templates/business/functions.php on line 39 UNIONE DEI COMUNI BESA 2014

 

 

 

 

  

 

                                                                     

CONTESSA ENTELLINA / KUNTISË

REGIONE

Sicilia

PROVINCIA

Palermo

SUPERFICE

136 km²

DENSITA’

15 ab./km²

ABITANTI

  1. 981

ALTITUDINE

561 m s.l.m.

COMUNI VICINI

Bisacquino, Campofiorito, Corleone, Giuliana, Monreale, Poggioreale (TP), Roccamena, Salaparuta (TP), Sambuca di Sicilia (AG), Santa Margherita Belice(AG)

 

 

 

 

MAPPA:

 

 Piccolo comune montano nella Valle del Belice, Contessa é considerata oasi etnica, linguistica e religiosa (Comunità italo-albanese) per la peculiare identità culturale dei suoi abitanti. Le attività prevalenti riguardano l'agricoltura e la pastorizia. Costituisce il più antico insediamento albanese in Italia. Infatti dal XV al XVIII secolo si rifugiano in Italia, per sfuggire alla dominazione ottomana e conservare la fede cristiana, molti albanesi, che fondano o ripopolano circa 100 località nel Meridione d'Italia. Contessa Entellina, fondata nel 1450 da soldati albanesi, che avevano prestato servizio per il re di Napoli nel castello di Bisiri (Mazara).E' una delle circa 50 località, che conservano ancora il rito bizantino, la lingua, le tradizioni ed i costumi degli antenati albanesi. Prima del 1450, Contessa era uno dei casali del territorio di Entella e del Castello Calatamauro. Molte sono le notizie su Contessa riportate invece dal XVI secolo ad oggi in tanti documenti amministrativi, ecclesiastici, notarili, ecc., che riguardano la nuova comunità degli albanesi stabilitisi nel casale, chiamato nel medioevo “vinea Comitissae”.

 

CONTESSA ENTELLINA /KUNTISË

Ristoranti/Trattorie/Agriturismi

3 (di  cui soltanto uno all’interno del paese)

Alberghi/Pensioni/B&B

1 (Rocca dei Capperi)

LUOGHI DA VISITARE

Molino di Bagnitelle Soprane

Molino di Bagnitelle Sottane

Molino di Alvano

 

Sparsi nel territorio si trovano le vestigia di mulini ad acqua risalenti al 1600

 

Chiesa di S. Antonio Abate

Chiesa di rito bizantino → Iconostasi

Chiesa di San Nicolò di Mira

Chiesa di rito bizantino → Icone/Stucchi

Chiesa di San Rocco

Chiesa di rito bizantino → Icone/Organo

Chiesa della SS. Annunziata

Chiesa di rito bizantino → Iconostasi

Chiesa dell’Odigitria

La chiesa più antica di rito bizantino → Icona

Anime Sante

 Chiesa del Purgatorio

Chiesa di rito bizantino → Iconostasi

Chiesa Maria SS della Favara

Chiesa di rito latino → Statue/Dipinti/Vara

Abbazia di Santa Maria del Bosco di Calatamauro.

Nel 1200 viveva una piccola comunità di monaci eremiti che negli anni si era dotata di un convento e di una chiesa, dedicata alla Vergine per onorare un’icona che, secondo la leggenda, era stata rinvenuta nell’incavo di un albero.

Nel Trecento, gli eremiti confluirono nell’ordine dei benedettini e a questo successe poi quello dei frati olivetani. La costruzione dell’ attuale complesso venne iniziata nel 1592 e si protrasse fino al 1646.

Sito archeologico di Entella

Le ricognizioni archeologiche del territorio effettuate dal Laboratorio di Storia, Archeologia e Topografia del Mondo Antico della Scuola Normale Superiore di Pisa (1998-2002), hanno portato alla individuazione di numerosi siti di insediamento

Antiquarium di Entella

Raccoglie reperti che documentano la frequentazione del sito dall'età del Bronzo antica (XIII secolo a.C.) al 1246 →Anfora indigena del VII secolo a.C./Biblioteca/Libreria/Sala Studio/Shopping area

Rocca di Entella

All’interno del sito archeologico di Entella, importante perle rilevanze geologiche e naturalistiche

Castello di Calatamauro

Di origine bizantina, nel IX sec. divenne

 una roccaforte araba

ESISTONO ITINERARI NATURALISTICI?

Sì → Santa Maria del Bosco e monte Genuardo/ La Grotta di Entella

PERIODO DI MAGGIORE AFFLUSSO TURISTICO

PRIMAVERA

Scolaresche /Tour-operator

ESTATE

 

Turisti fai-da-te

 

ESISTENZA DI ENTI O UFFICI TURISTICI ?

Sì → Pro-Loco / L’uffico per il turismo è in fase di creazione / Volontari


 

  

 

 

 

 

 

 

 

 

Visite agli articoli
241559